Backstage del video-evento GRACE_2020

17 gennaio alle ore 12.00
presso lo studio NERO/ALESSANDRO NERETTI
Via Calvi 1 36015 Schio (Vicenza)

Un evento artistico-creativo, che vedrà l’incontro tra il mondo della moda e l’arte contemporanea, attraverso la registrazione, itinerante nel territorio di Schio (VI) il 17 e 18 gennaio, di quattro video d’autore con regia e sceneggiatura dell’artista Nero/Alessandro Neretti e la partecipazione dell’attore Giuseppe Sartori, Premio Mariangela Melato 2018.

I quattro video GRACE_2020 sono stati ideati per presentare la capsule collection di luxury foulard GRACE firmati dallo stilista Mario Costantino Triolo, il nuovo brand di moda made in Italy che entrerà nelle showroom a partire da febbraio 2020.

MCT – Mario Costantino Triolo

MCT è un progetto moda che nasce dall’incontro tra Mario Costantino Triolo, giovane “stilista artigiano” di Catanzaro, e Davide Muccinelli, esperto di design e co-fondatore del brand. La comune passione per la moda, l’arte e il design ha creato le premesse per la nascita del progetto che intende porre l’accento sulla qualità delle idee sviluppate e prodotte in Italia, a partire dal Sud ma intese come creazioni di rete. In primo piano, la creatività stilistica nell’impiego dei materiali e il prodotto concepito come opera. Il progetto MCT comprende la realizzazione di uno spazio Atelier a Catanzaro, fulcro creativo che diventerà anche un punto vendita diretta per le collezioni di abiti sartoriali, da Party, Cocktail e Wedding, e di Luxury Foulard.

Luxury foulard courtesy_ Mario Costantino Triolo
Image courtesy_ Nero/Alessandro Neretti
Sound courtesy_ Andrea Nonni

Presentazioni di Nero/Alessandro Neretti e Giuseppe Sartori.

ph. Corrado Murlo

Giuseppe Sartori Classe 1986, si diploma alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano nel 2008. Lavora con Ronconi, Rifici, Valentino Villa, Giacomo Bisordi, Constanza Macras. Dal 2009 al 2018 collabora con la compagnia ricci/forte con cui conta più di 20 spettacoli all’attivo. Prende parte alle serie americane “Mozart in the Jungle” e “Allegiance” e con Ivan Cotroneo a “Una mamma Imperfetta” e “La compagnia del cigno”. Incontra il drammaturgo Roberto Scarpetti che lo vuole interprete del monologo “28 battiti” prodotto dal Teatro di Roma. Per questo suo lavoro e per lo spettacolo “PPP Ultimo Inventario prima di liquidazione” riceve nel 2018 il premio Mariangela Melato. Nel 2017 incontra lo stilista Antonio Marras, con cui comincia a lavorare in qualità di performer. Del 2019 la prima rappresentazione in Italia di “Furiosa Scandinavia” di A. Rojano, con la regia di Javier Sahuquillo, “Macbeth” regia di O. Nedjari, “Giuditta, una separazione dal corpo” di Barker regia M.di Michele, lo spettacolo “Cinzia” tratto dall’omonima grafica novel di Leo Ortolani e “Rincarare le dosi” di F.D’amore, per la regia di P.Belloli.

Nero/Alessandro Neretti Classe 1980 è un’artista visivo, critico osservatore della condizione contemporanea che conduce una personale indagine espressiva tesa a esplorare con occhio disincantato e impudente dinamiche e processi socio-politici ed economici, concentrando particolare attenzione sulla sfera della realizzazione individuale e collettiva, del desiderio, del corpo, del simbolo. Estende un costante lavoro di auto-fiction alla ricerca ambientale, che si rivolge allo spazio del qui e dell’ora, comprendendo valori architettonici, culturali e naturali. I processi di autodefinizione e di rielaborazione del dato sensibile si intrecciano in immagini fortemente simboliche. Soggetti animali e mitologici, ma anche segni e codici, emergono da tecniche diverse (fotografia, ceramica, stampa, assemblaggio, video). L’objet trouvé entra in tale processo in forma di installazioni complesse, dove l’aggancio all’esistente presente avviene in chiave di post-realismo semantico. L’obiettivo finale è la provocazione, la resistenza, l’alternativa al collasso storico e culturale.

Alcuni dei suoi progetti personali sono stati ospitati da: Museum Beelden aan Zee – L’Aia/Paesi Bassi, MAR – Museo d’Arte Della Città – Ravenna, PAC/Padiglione d’Arte Contemporanea – Milano.
Ha partecipato a mostre collettive, residenze d’artista e workshop in spazi come: Airbnb HQ – San Francisco/Stati Uniti d’America; Spaziu Kreattiv and Faculty of Media Knowledge and Science – Malta/Malta; International EgeArt Days – Izmir/Turchia; FLICAM – Fuping/Cina, World Ceramic Biennale International Workshop, Icheon/Repubblica di Corea; MAC/Museo d’Arte Contemporanea – Lissone; Museo Civico – Bassano; Padiglione Spagna – Venezia; Aubin Gallery – Londra/Regno Unito; Kunstmuseum – Bornholms/Danimarca; Fondazione Benetton Studi e Ricerche – Treviso; F.R.A.C./Fondo Regionale d’Arte Contemporanea – Baronissi; Basilica Palladiana – Vicenza; Zichy Palace – Lodz/Polonia; Hagi Uragami Museum – Gifu/Giappone.

Nel 2019 vince il Primo Premio al 26° Concorso di Ceramica Contemporanea, Museo di Grottaglie; nel 2013 vince il Primo Premio al 58° Concorso Internazionale della Ceramica d’Arte Contemporanea – sezione under 40, Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza; nel 2009 é il vincitore della sezione scultura al R.A.M. 08/09, Ravenna; nel 2008 vince il Bronze Award all’8° International Ceramics Competition di Mino, Museum of Modern Ceramic Art di Gifu/Giappone.

www.ovveronero.net

Fonte: Three Studio Comunicazione